lunedì, aprile 26, 2010

Domenica

Ancora a riposo dopo le recenti fatiche, ho comunque trascorso una domenica all'insegna dello sport, quello però fatto da altri. Se il pomeriggio è stato dedicato allo sport in televisione con la Liegi-Bastogne-Liegi e il doppio appuntamento con la superbike ad Assen, la mattinata l'ho dedicata allo sport visto da vicino con la 44° edizione della Coppa Caduti dell'Olmina, gara ciclistica dedicata agli abitanti del quartiere caduti nella seconda guerra mondiale, dove, su un percorso di circa 7 km da ripetersi 8 volte, un cugino acquisito è riuscito a piazzarsi, ancora una volta, nelle primissime posizioni. E ogni volta che assisto a questa gara, mi meraviglio di quanto veloci si possa andare su una bicicletta, specie in una volata per la vittoria. E se mi sembra che vadano forte questi che sono considerati degli "amatori" chissà cosa deve essere vedere da vicino una volata dei "professionisti".
E poi, per non farci mancare niente, dopo l'arrivo una bella rissa, con tanto di accuse di doping, per un comportamento ritenuto scorretto in prossimità dell'arrivo. Del resto quando in palio c'è un trentesimo posto..........

4 commenti:

  1. vecchia storia quella del doping, altro che amatori.... noi si che si può stare sereni anche senza sport, almeno per una Dom..... :)

    RispondiElimina
  2. Purtroppo pure fra gli amatori gira roba proibita...!!

    RispondiElimina
  3. Io il ciclismo non lo seguo più per le note vicende di doping. Purtroppo tutti sanno e nessuno parla.

    RispondiElimina
  4. La roba proibita gira in tutto gli sport

    RispondiElimina