lunedì, giugno 21, 2010

Ripetute

In questi anni il mio atteggiamento verso la corsa è decisamente cambiato e con il passare del tempo sono riuscito in tutto quello che, forse per una questione di testa, pensavo di non essere in grado di fare. Non mi riusciva di correre alla mattina e ho imparato a farlo. Mai a digiuno e via di corsa appena sveglio. Non più di un'ora a stomaco vuoto, e invece di corsa per 21 chilometri. Solo d'estate per evitare l'afa del tardo pomeriggio e invece in strada anche quando fa freddo ed è ancora buio. Tutto tranne le ripetute. Già poco digeribili di sera, figuriamoci di mattina. Questo almeno fino ad oggi.
Saltato l'appuntamento della domenica, con il lunedi sera già impegnato e con la probailità di saltare anche l'uscita del martedì, mi sono dovuto rassegnare all'idea di sfatare anche l'ultimo "tabù". Il tempo di un passaggio alla moglie in stazione per il treno e via in strada direzione parco. Il tempo non promette niente di buono, ma almeno la temperatura sembra perfetta per il supplizio che mi appresto ad affrontare. La gambe girano bene, e nonostante tutto, la voglia non manca. L'ideale sarebbe arrivare a 8 ripetute da un minuto, ma correrne almeno 6 sarebbe già un buon risultato.
Alla quarta però, non ne ho proprio più e decido che, forse, è meglio accontentarsi. Continuo nel parco per un altro giro e imbocco poi, la strada di casa per gli ultimi chilometri. Bello scoprire, analizzando i dati del garmin, di aver corso comunque le ripetute ad un buon ritmo e di aver fatto il "viaggio" di ritorno tutto in progressione.
Non ci si può proprio lamentare.

10 commenti:

  1. Ho visto che sono ripetuto brevi, hai in mente di correre una 10km o semplicemente le hai fatte per un test tuo personale?
    Una domanda.. come fai a riportare la tabella del garmin nel blog? La salvi prima da qualche parte?

    RispondiElimina
  2. sono brevi perche ancora non mi posso permettere quelle lunghe. o meglio diciamo che gia faccio fatica con queste.... per la tabella del garmin catturo la parte di schermo con un normale programma di grafica e poi lo carico sul blog

    RispondiElimina
  3. quanto hai ragione... poco cose come lo sport sono in grado di mostrarci (e farci superare) i nostri limiti....

    RispondiElimina
  4. E non sai quante cose ancora farai e non immaginavi di fare, basta crederci e provare! Vai così!

    RispondiElimina
  5. Mica male!
    Anch'io non le ho mai fatte, però credo che per preparare bene una gara questa "tortura" vada affrontata.
    ciao

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. In molti odiano il lavoro con le ripetute, specialmente quelle in pista, che oltre a regalarci un buon passo, ci insegnano a spingere meglio e ad utilizzare in modo più proficuo la spinta dei piedi.

    RispondiElimina
  8. Complimenti...
    Il solo pensare di uscire dal letto e correre mi sgomenta....
    Preferisco affrontare il sole e schiattare al limite la sera, ma la mattina no, non ci riesco proprio....
    Ammiro invidiosamente chi lo fa...!!!

    RispondiElimina
  9. Hai fatto recupero attivo o passivo tra le ripetute? Perchè con un recupero attivo regalano un po' di più la sensazione di un lavoro continuo e sono quindi meno impegnative di testa. Come piccolo consiglio, sulle ripetute così brevi, vivile mentalmente come se fosse l'ultimo minuto di una gara importante che hai corso alla grande, la folla ai lati della strada che ti incita, i tuoi cari che ti aspettano, il boato quando tagli il traguardo...
    In bocca al lupo

    RispondiElimina
  10. Grazie per la dritta sulle tabelle del garmin.

    RispondiElimina