giovedì, settembre 30, 2010

Autunno

E senza ombra di dubbio. Se durante il giorno il sole ci regala ancora temperature piacevoli e l'illusione della bella stagione, è con l'arrivo della sera che ci si rende conto che abbiamo già superato l'equinozio d'autunno e viaggiamo inesorabilmente verso il solstizio d'inverno. Mi è bastato tardare al lavoro una quarantina di minuti per farmi posticipare alle sette l'uscita da casa in pantaloncini e maglietta.
Giusto il tempo di arrivare al parco e mi sono ritrovato a correre i chilometri previsti praticamente alla cieca.
Sensazione davvero brutta correre con il timore di poter inciampare in un ostacolo non visto.
Davvero un peccato che al parco manchi l'illuminazione. Tempo qualche settimana e mi toccherà tornare a correre solo in strada.
Almeno per cinque mesi.

8 commenti:

  1. ti capisco a me invece mancano le corse del mattino presto, al buio non riesco ad andarci ho un pò timore mentre in estate alle 5:30 sono già in giro........bhò eppure l'ora è sempre quella!

    RispondiElimina
  2. La peggiore delle sensazioni, correre con poca luce. Dalle nostre parti, a Prato, c'è una ciclabile illuminata per 12 km; una meraviglia! L'unica alternativa è una strada poco trafficata con illuminazione.

    RispondiElimina
  3. Eh già...ormai l'estate è solo un ricordo. Sinceramente, correndo poi la mattina presto, noto il freddo e il buio la , appunto, mattina.
    Ahhhhh...come era bello uscire e vedere l'alba...ora buio pesto dal primo all'ultimo km..ma nulla ci ferma, no no no!!

    RispondiElimina
  4. Io mi sono attrezzato dai cinesi con lucetta frontale e lucetta sulla schiena che sembro un arbre magiche a natale,sono le ossa che risentono dell'umidità e ho sempre il naso otturato per la gioia dei produttori di kleenex ;)

    RispondiElimina
  5. stesso problema con la nostra pineta pineta: o si anticipa o resta il lungomare... meteo permettendo!

    RispondiElimina
  6. E' già qualcosa che un parco ce l'avete, o corro per la strada al buio in questi giorni, con il rischio di finire stirato. Se gli orari di lavoro fossero meno castranti, uno avrebbe anche il tempo di organizzarsi, invece con l'orario classico ci fottono sia il mattino che la sera

    RispondiElimina
  7. mal comune, mezzo gaudio. vedo che è un problema comune. basta non pensarci troppo. si tratta solo di 5 mesi....una bazzecola

    RispondiElimina
  8. Il parco dove corro io l'illuminazione c'è peccato che è un anello di soli 500mt.. mi ci vedi a fare un lungo da 25 km li?? Purtroppo le trade per noi "cittadini" sono l'unica soluzione,,

    RispondiElimina