lunedì, gennaio 24, 2011

Partenza col botto

Quindicesima edizione della mezza di S.Gaudenzio e, per quel che mi riguarda, apertura della stagione agonistica.
Sveglia puntata come in una normale giornata lavorativa e una volta pronto, poco dopo le sette, partenza direzione Novara. Pur sapendo, grazie a meteo.it, a cosa andavo incontro, vedere il termometro della macchina indicare, nel giro di pochi chilometri, una temperatura di -6° ha risvegliato il solito tarlo che ogni tanto fa capolino e mi ricorda che forse, l'idea di praticare sport, in alcuni casi non sia poi così salutare. Traffico pari a zero e in una quarantina di minuti raggiungo il caldo palazzetto dello sport Casalbeltrame ormai da qualche anno punto di partenza, d'arrivo e sede logistica della mezza.
Ritiro pettorale, quattro chiacchere con gli amici e, armati di tanto coraggio, fuori in strada a simulare una parvenza di riscaldamento. Il sole c'è, è questo è gia qualcosa, ma il freddo è davvero pungente. Alla mia quarta partecipazione dovrei essere già "esperto" ma non ricordo, nelle passate edizioni, di aver sofferto tanto.
Il percorso è ormai rodato e,  una volta lasciato Casalbeltrame,  si attraversano le campagne delle provincie di Novara e Vercelli passando per Casalvolone, Villata, San Nazario Sesia e Biandrate rientrando, dopo un paio di chilometri, nuovamente a Casalbeltrame.
Partenza allegra e già da subito il ritmo è più che soddisfacente. L'idea è di provare a tirate, giusto per testare la condizione alla luce di quanto fatto nelle passate settimane. Come sempre correre in mezzo agli altri aiuta e dopo aver visto un gruppetto di runner incollato al pace dei 4'/km decido di provarci e mi aggancio al "simpatico trenino".
I chilometri passano e per un po' accarezzo anche l'idea di tentare il personale, ma evidentemente non sono ancora pronto per tenere certi ritmi così a lungo. E così, dopo il decimo, la spinta non è più la stessa e il gruppo comincia lentamente a  distanziarmi. Limito i danni sino al 18° e dopo il secondo cavalcavia, considerata la "pratica" quasi archiviata, anche i tempi tornano a scendere. Ultimo chilometro nuovamente sotto i quattro e fatica conclusa in meno di 86'.
Il 2011 non poteva cominciare meglio.

12 commenti:

  1. una grande prova direi.
    Complimenti!!

    RispondiElimina
  2. Un bell'inizio, non c'è che dire!

    RispondiElimina
  3. Gran recupero a fine corsa , bravo.

    RispondiElimina
  4. Beh complimenti, è importante partire bene.

    RispondiElimina
  5. Vacca miseria, ma dov'eri? Io il gruppetto del pacer dei 4' l'ho passato intorno al 5°km. Mah, se mi incroci vienimi a salutare. Ciao! E complimenti, ottimo inizio!

    RispondiElimina
  6. 86' per iniziare fa pensare in un tempone durante la stagione

    RispondiElimina
  7. @tutti: grazie
    @oliver: sono rimasto assieme al gruppetto sino al decimo. non ti ho visto proprio.
    prima o poi ci riusciamo a beccarci

    RispondiElimina
  8. COMINCIARE L'ANNO COSI E' FANTASTICO , COME PERCORSO DI GARA TI E' PIACIUTO???

    RispondiElimina
  9. con il sole a me piace. corri con le alpi innevate davanti. se trovi la nebbia o una giornata grigia, come l'anno scorso, non entusiasma per niente. pero è molto veloce. due soli cavalcavia a scavalcare la A4. il resto
    completamente piatto

    RispondiElimina