lunedì, settembre 26, 2011

Andata!

Quarta edizione per "The media running challenge", la corsa nata per i professionisti della comunicazione (per loro una classifica dedicata), ma di fatto diventata di tutti. La gara, anticipata di un mese, è stata modificata nella formula con i dieci chilometri per gli amatori e i cinque per tutti quelli che ci vogliono provare e, per quanto riguarda la 10k, anche nel percorso privato, purtroppo, del suggestivo passaggio in Duomo. Perfetta la logistica con tutti i servizi posti all'interno dei locali dell'Arena civica, buono il ristoro finale offerto dagli sponsor ma soprattutto, ed è quello che contava di più, una bellissima giornata di sole ideale per una "sgambata" in centro.
Riscaldamento per i sentieri del Parco Sempione e poco prima delle 10 pronto sotto il gonfiabile in attesa dello start.
Incurante delle due ore e mezza spese nel lungo del giorno prima, decido di optare per la solita e unica condotta di gara per competizioni di questo tipo: a cannone.
Solita ressa iniziale e primi secondi imbottigliato nel "traffico". Bastano però poche centinaia di metri e il
gruppo comincia a sgranarsi permettendo a tutti di impostare il proprio ritmo. Consapevole di non poter ambire a tempi che, a prescindere dai chilometri del giorno prima, attualmente non mi posso permettere mi limito ad andare a sensazione cercando di tenere un ritmo che mi permetta anche di apprezzare il percorso.
I chilometri passano tra l'indifferenza della gente e più di un clacson mi rammenta che sto pur sempre correndo per le vie di Milano e questo, per più di un automobilista, non si dovrebbe fare.
La stanchezza comincia a far capolino e al settimo la voglia di alzare il piede dal gas si fa insistente.
Il tempo di rifiatare un attimo e, una volta arrivati in Corso Sempione, di nuovo a spingere per gli ultimi
due chilometri. Varcato poi il cancello del parco, il più è fatto. Ingresso nel vecchio stadio dalla
"porta Trionfale", e i rimanenti metri di pista da percorrere senza troppi calcoli prima di arrivare al
tanto sospirato gonfiabile posto all'arrivo.
Una rapida occhiata al Garmin e la conferma di aver centrato l'obiettivo prefisso: sotto i quaranta.

10 commenti:

  1. Come si dice? A BUMBAZZA!!! Domenica toccherà a me ad infastidire gli automibilisti alla deejay ten! uhhhh

    RispondiElimina
  2. professionista anche nella corsa. che suonino pure, gli ignavi... ;)

    RispondiElimina
  3. ...io di solito ai piu' insistenti strombazzatori, li invito a volgere le loro attenzioni musicali ad altre occasioni, tipo per esempio, quando le relative sorelle ricevono "passaggi automobilistici" in particolari circostanze...

    RispondiElimina
  4. Sotto i 40 è sempre una bella giornata

    RispondiElimina
  5. Dici che non suonavano per incitamento? Non si trattava di una "nostrana vuvuzela"?

    RispondiElimina
  6. sotto i 40 e' un ottimo risultato.....
    p.s questi autumobilisti milanesi sono i soliti.......

    RispondiElimina
  7. Bravissimo...ottimo risultato. E per quanto riguarda i milanesi...Evabbè: un pò polemici, ma sono un'Italia che lavora...

    RispondiElimina
  8. @mauro: mi sa che avranno il dente avvelenato. due domeniche di file con tutta 'sta gente in mutande per le strade!!
    @marco: ma si lasciamo divertire
    @marco b: so' ragazzi...
    @master: ignorati completamente
    @marco: ho paura di no
    @lello: grazie
    @anna: grazie. ma io mi chiedo perche anche la domenica mattina ??

    RispondiElimina
  9. speriamo che radio dj con la sua campagna pro corsa riesca prima o poi a rendere giustizia ai corridori milanesi intanto il sindaco potrebbe migliorare la metro..

    RispondiElimina
  10. A prescindere, sotto i 40' credo che ci sia sempre soddisfazione!!

    RispondiElimina