martedì, marzo 27, 2012

Quarantuno


Quarantunesima edizione della corsa più amata dai milanesi, nel senso che, dopo tutti questi anni, sono davvero pochi gli automobilisti che salutano a colpi di clacson il passaggio della marea di "runner" di tutte le età che per una mezza giornata prendono possesso della città. Se poi, con il cambio di giunta, la domenica della Stramilano coincide anche con la domenica "a piedi" il successo è assicurato.
Ore nove la dieci chilomentri dei "50.000", nove e quarantacinque la Stramilanina, la gara dedicata ai più piccoli, e alle dieci e quarantacinque, davanti al Castello Sforzesco, la partenza della mezza agonistica.
Tre gare, tre distante e tutte e tre con lo stesso obiettivo: divertirsi.
Sveglia, nonostante l'ora legale, ad un orario decente, colazione e in macchina destinazione Corso Sempione prima del blocco delle auto.
Risolta la pratica parcheggio, solite operazioni pre-gara e poi verso la partenza sfruttando queste poche centinaia di metri per una parvenza di riscaldamento. A soli sette giorni da una maratona, se fossi stato dotato di una benchè minima quantità di buon senso, sarebbe stato logico impostare una gara con un passo prossimo a quello che ultimamente riesco a tenere in maratona. Giusto per portare a casa un "under 90". Ma evidentemente le parole "buon senso", come già ampiamente dimostrato, non appartengono al mio vocabolario.  Sole, caldo non eccessivo, percorso piatto: si va per il personale, o almeno ci si prova. Dieci e quarantasette e con il tradizionale colpo di cannone del Reggimento Artiglieria a cavallo si parte. Solito percorso che, una volta lasciato il Castello, ci porta verso l'Arena, poi Corso Sempione da percorrere nei due sensi, di nuovo Arena e Bastioni di Porta Nuova. Melchiorre Gioia, Corso Buenos Aires e
circonvallazione interna direzione Piazza Cinque Giornate con il passaggio ai dieci in 39' e 36". Piazza Medaglie d'Oro, Ticinese e Viale Papiniano dove la brillantezza della prima metà di gara comincia a venir meno.
Qualche secondo di troppo e la mancanza di lucidità per rimanere agganciato al simpatico trenino formato intorno al quinto pongono fine ai sogni di gloria nella mezza di casa. Arrivato però in via Washington, sul tappeto dei quindici, non serve la calcolatrice per capire che, limitando i danni, posso comunque portare a casa un signor tempo. Piazza Piemonte, Velodromo Vigorelli, Piazza Damiano Chiesa e di nuovo in Corso Sempione per gli ultimi tre chilometri.
Il parco Sempione e una volta varcato il cancello, cinquecento metri da fare in apnea con l'ingresso in Arena dalla "Porta Trionfale" per gli ultimi interminabili zeronovantasettemetri per chiudere ancora una volta under 85'.
Contentissimo!.

14 commenti:

  1. l'onda lunga ti ha portato a MI....che poi ste giornate ecologiche sono il modo più indolore per le grandi gare....

    RispondiElimina
  2. Pensa che sarebbe, non dico la gara di casa visto che c'è Monza, ma quasi e non l'ho mai corsa...
    Complimentissimi comunque...

    RispondiElimina
  3. Grande nino!
    Dirò una cavolata perchè ero distante e "chiuso",così non ho fatto in tempo a raggiungerti,ma forse ti ho intravisto da Farinella,può essere?

    RispondiElimina
  4. mi sa che ci siamo incrociati poco prima del 21° km

    RispondiElimina
  5. @orlando magic: grazie
    @marco: troppo bella milano senza auto.
    @Andreadicorsa: grazie
    @mauro: difficile a credere. secondo me è comunque da provare
    @insane: ero io! dopo aver finito se rimani a milano o mangi intorno all'arco della pace (posti liberi permettendfo)
    o da farinella.
    @nicolap: mi sa proprio di si

    RispondiElimina
  6. EBBRAVOOO...!!!
    Complimenti davvero...
    Forse dovresti pensare a curare di piu' questa distanza invece del doppio mi sa...

    RispondiElimina
  7. e grazie ... a Roma ti 6 risparmiato ;DDD

    RispondiElimina
  8. Grandioso! ma fai pure la Milano city Marathon?

    RispondiElimina
  9. @marco: forse. ma mi piace troppo massacrarmi sulla distanza doppia
    @giancarlo: dici ??
    @dave: non ho ancora deciso. pesano i 28° alla partenza dell'anno scorso

    RispondiElimina
  10. Beh a una settimana dalla maratona è un risultato davvero buono. A maggior ragione se consideri che sei partito un filo troppo forte e senza riscaldamento. Gran bella prova.

    RispondiElimina
  11. complimenti ,corsa una sola volta la stramilano agonistica , ma prima di correre "seriamente "correvo quella dei 50000.....

    RispondiElimina
  12. davvero instancabile, che altro dire?

    RispondiElimina