martedì, aprile 17, 2012

MCM2012

Previsioni meteo rispettate alla lettera e al suono della sveglia posso tranquillamente risparmiarmi la fatica di buttare uno sguardo fuori dalla finestra. Il rumore delle gocce di pioggia sulle tapparelle spegne anche quell'ultima tenue speranza di poter continuare la striscia positiva. Stavolta mi tocca: gara bagnata.
Colazione, vestizione e, come al solito, di "corsa" in stazione per prendere al volo il treno che mi permetta di arrivare in tempo utile al nuovo padiglione della Fiera di Rho. Cambio d'abito, deposito borsa e, viste le condizioni meteo, di nuovo al coperto in attesa di trovare il coraggio per abbozzare un qualcosa che, tanto per cambiare, si possa avere la sfrontatezza di chiamare riscaldamento.
Ore nove in strada e dopo una decina di minuti, una volta entrato nel "corral" di appartenenza, passo il restante tempo, alla disperata ricerca di una posizione più vicina possibile alla linea di partenza.
Nove e ventidue si parte. La pioggia non molla la presa ma, grazie al cappellino, ancora non mi accorgo della sua ingombrante presenza, le gambe girano a mille e una volta impostata la velocità di crociera non faccio fatica a mantenere il ritmo.
Pero, Figino, via Novara e intorno all'ottavo chilometro si entra in città. Al decimo, prima di raggiungere S.Siro, in quarantadue e spiccioli, Piazzale Lotto, dove è previsto il primo cambio della staffetta, Lampugnano, la Montagnetta e, una volta imboccata via Gallarate, di "corsa" direzione centro.
Piazza Damiano Chiesa e l'incrocio con quelli che, da lì ad un'ora e mezza, saranno gli ultimi interminabili tremilametri. Corso Sempione, l'Arena e il gonfiabile della mezza varcato una cinquantina di secondi sotto i novanta. Bastioni di Porta Volta, Piazza della Repubblica e Porta Venezia, dove è previsto il secondo cambio della "relay", prima della svolta in Corso Venezia per i quattro chilometri nel salotto buono della città, quelli dove Milano può mostrare il meglio di se: Via Montenapoleone, Piazza della Scala, Corso Vittorio Emanuele, il Duomo, Piazza Fontana e di nuovo Corso Venezia. Davvero un peccato essere costretti a dedicare gran parte della propria attenzione al pavè bagnato rinunciando alla possibilità di godersi appieno il panorama offerto dal percoso. E una volta imboccato viale Maino, Piazza del Tricolore, Piazza Cinque Giornate, Porta Romana e il tentesimo in perfetta media. Non sembra nemmeno di avere corso un'altra maratona appena quattro settimane prima. Neanche il tempo di pensarlo e capisco che quello è un ritmo che difficilmente potrò tenere ancora a lungo. Scartata l'opzione "turista al pascolo", tocca stringere i denti cercando, ancora una volta, di limitare i danni. Porta Ticinese, la Darsena e diverse posizioni perse ma, a quanto pare, sono in buona compagnia.
Evidentemente non sono l'unico ad accusare la fatica. Al trentaquattresimo poi, appena superato il terzo cambio della "relay", vengo raggiunto e, naturalmente, superato anche dal gruppo al seguito dei palloncini gialli. Trentacinquesimo poco appena sopra le due ore e trenta e, ad occhio e croce, il "pb" relativo alla gara di casa, ancora possibile. Trentasette, trentotto, il Vigorelli e di nuovo Piazza Damiano Chiesa con il cartello numero "39" in bella vista. Corso Sempione, l'Arena e in fondo a Via Gadio l'inconfondibile sagoma del Castello Sforzesco. Ultimi millecentonovantacinque metri in "cinqueminutieundici" e un improbabile, almeno alla vigilia, under 183' finale.
Viste le premesse, io non ci avrei scommesso nemmeno una lira.

20 commenti:

  1. Bravissimo.
    Son sempre più convinto che la pioggia è amica dei podisti.

    RispondiElimina
  2. A quattro settimane da Roma un'altra bella prestazione,grande..

    RispondiElimina
  3. Bella prova, non lo avrei detto neanche io...
    Il bello della maratona : sai come parti ma non sai come arrivi... ^__^

    RispondiElimina
  4. Ben fatta, però dal grafico... ora recupera con calma!

    RispondiElimina
  5. @Hal78: grazie. per qunato riguarda la pioggia, io mica tanto
    @franco, marco: grazie. davvero inastettata.
    @Gianmarco: grazie. per il grafico sfondi una porta aperta...

    RispondiElimina
  6. Complimentoni ...anche se(sono cattivissimo) speravo meglio.
    In tv quando ho visto arrivare i primi e sapevo che ti toccavano almeno altri 50 minuti ti ho pensato, soprattutto perchè la pioggia aveva rafforzato l'intensità.

    RispondiElimina
  7. ben fatto, era un clima ostile, altroché

    RispondiElimina
  8. Bravo Nino,ma lo sai che se tenevi un ritmo leggermente più alto nella prima parte saresti andato ancora meglio?
    Questo è certo perchè quel calo negli ultimi 12 km è evidentemente dovuto al consumo eccessivo di glicogeno nei 30 km precedenti...fossi andato più vicino ai 4'20"/km saresti riuscito a tenerlo fino in fondo e magari andare anche in progressione...lo so che sfondo una porta aperta...ma siccome ci sono passato anch'io e so cosa vuol dire volere andare almeno una volta under 180' ho voluto esprimermi:-)
    Ciao caro!

    RispondiElimina
  9. Complimenti Nino, un under 183' e' un grande risultato. Davvero bravo.
    Dai che i 3 minuti li limi prima o poi!

    RispondiElimina
  10. bravo nino hai fatto una bella gara visto il maltempo , in autunno under 180'............

    RispondiElimina
  11. evvai! mannaggia quel piccolo cedimento finale, ormai cronico si direbbe....

    RispondiElimina
  12. complimenti, si è visto che alla fine hai faticato a tenere un ritmo costante e altalenavi cmq sei riuscito a stare sui 4'30'' nel finale non pregiudicando un ottima prestazione

    RispondiElimina
  13. Ci tocca riprovarci il 28 ottobre...dici?

    RispondiElimina
  14. Piacere di averti rivisto Nino!! Alla fine però la gara l'hai fatta come si deve, e come pensavo, altro che come va va, come dicevi tu ;)

    RispondiElimina
  15. @giancarlo, daniele: grazie
    @kikko: mi sa che hai ragione. anche se forse con la testa ero già in ferie
    @drugo, lello: speriamo
    @marco: a quanto pari si
    @tosto: grazie
    @alvin: direi proprio che ci tocca
    @marco: grazie

    RispondiElimina
  16. Ridicolo dar consigli ad uno con i tuoi tempi ma mi associo a kikko.. ;) Comunque complimenti! e la pioggia rompe ma con il clima di un anno fa la caduta sarebbe stata più pesante.. ;)

    RispondiElimina
  17. Ma hai fatto fartlek dal 33 in poi...? Sono uno forte e uno lento, alternati, più da testa che da glicogeno, sembra.

    RispondiElimina
  18. ottimo, giornata difficile ,quello che veniva era buono! e' venuto un gran tempo!

    RispondiElimina
  19. Ialssss se sei andato forte!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina