mercoledì, ottobre 31, 2012

27° venicemarathon: fa curriculum ?


27° venicemarathonIn questi nove anni di onorata "carriera", condizioni climatiche così avverse, non avevo ancora avuto modo di sperimentarle. A parer mio, Mezza di Monza 2011 e Milanocitymarathon 2012, rientravano già abbondantemente nella categoria "il peggio che possa capitare". Evidentemente sbagliavo e anche di grosso.

Le previsioni, da giorni, parlavano chiaro: freddo, pioggia, vento e, ciliegina sulla torta, acqua alta a San Marco. Eppure la speranza, o forse sarebbe più corretto dire l'illusione, di un possibile errore faticava a lasciare posto alla realtà. Otto e quaranta, nove, nove e dieci, l'ora dello start sempre più vicina e, come un tarlo, un solo pensiero; il muro nel bel mezzo di "freedom bridge" meglio conosciuto come "Ponte della Libertà" con i suoi tremila e ottocentocinquanta interminabili metri.

Nove e quindici e, in anticipo rispetto al programma, si torna ad essere protagonisti. Talmente in anticipo che, al momento dello start, tra noi e quelli della prima "linea" c'è ancora lo stesso centinaio di metri che ci divideva al momento dell'apertura delle gabbie. Ma ormai il "danno" è fatto e cercare di forzare l'andatura per raggiungere nel minor tempo possibile il gruppo dei pace  potrebbe, alla lunga, rivelarsi controproducente. La solita sosta "idraulica" poi, peggiora le cose e la distanza dal gruppo raddoppia. Archiviata, quindi, la possibilità di correre coperto, tocca rassegnarsi all'ennesima corsa in solitaria.

Ventun minuti al quinto, 43' al decimo e appena sotto i 65' al quindicesimo come da tabella. E se il ritmo è da personale, la testa, sempre intenta a rimuginare sul peggiore degli incubi, no. Lasciato l'abitato di Oriago e reimpostato il "navigatore" su "valori" più consoni (4' e 30") affronto la parte meno "interessante" del percorso equamente divisa tra la campagna e la zona industriale di Porto Marghera.
27° venicemarathon

Ed è a ridosso del diciannovesimo che la bora ci offre un piccolo assaggio di quello che, una sessantina di minuti dopo, ci regalerà sulla lunga striscia di asfalto che collega Venezia alla terraferma.

Entrati in Marghera, invece, la sensazione di disagio causata dal vento diminuisce e una volta superato il lungo sottopasso della ferrovia sembra di correre un'altra gara.

Suggestivo poi, come sempre, il passaggio nel salotto buono di Mestre. Ventisette, ventotto, ventinove ed ecco Parco San Giuliano dove il vento torna prepotentemente protagonista costringendomi ad adeguare nuovamente il ritmo. Trentaduesimo chiuso in centoquaranta minuti e la netta sensazione di avercene ancora, tanto da ipotizzare, con una discreta dose di sfacciataggine, un ipotetico under 185' miseramente accantonato appena imboccato il Ponte della Libertà. Tremilaeottocentometri di pura follia con la bora proveniente da nord-est talmente forte che in alcuni punti diventa quasi impossibile avanzare. Tocca resistere. Questa volta mollare è un'ipotesi non contemplata. E poi Venezia non è poi così lontana. È li davanti, Sembra quasi poterla toccare.

Trentacinque, trentasei, trentasette e finalmente il cavalcavia di Piazzale Roma ultima "asperità" prima dei quattordici ponti che caratterizzano l'atto finale della Venicemarathon. 27° venicemarathon
Le Zattere, dove dei 120 cm della marea prevista per le dieci non rimane che qualche pozzanghera, Fondamenta dei Gesuiti, Punta della Dogana e una volta attraversato il Canal Grande, gli ultimi mille metri in uno degli scenari più belli al mondo.

Centonovanta minuti che difficilmente potrò mai dimenticare e, una volta indossata la medaglia, la stessa felicità di un bambino davanti all'albero la mattina di Natale.

20 commenti:

  1. e certo.....che non ne teniamo conto?????

    bravissimo Nino

    RispondiElimina
  2. Ti capisco, ho fatto Venezia in quasi le stesse condizioni. Pero' una volta, a Firenze ancora peggio : uscito alle 8 dalla navetta ha cominciato a piovere di brutto; alle 9.20 partenza ed ero peggio del pulcino pio sotto il trattore; il resto e' stata follia....

    RispondiElimina
  3. questa vale doppio!!!!!
    Grande Nono:-)

    RispondiElimina
  4. scusa volevo scrivere Nino....
    ciao!

    RispondiElimina
  5. azzarola....peggio addirittura di Monza 2011....
    complimenti davvero...il vento è forso l'unico elemento che temo sempre di dover affrontare.
    sei stato un grande, bravo bravo!

    RispondiElimina
  6. esperienza vissuta uguale 13 anni fa, mamma che sofferenza, posso immaginare
    ma più soffriamo più ci divertiamo....
    bravo.....bravo

    RispondiElimina
  7. Le più dure a volte sono le più belle , Bravoooo.

    RispondiElimina
  8. sei arrivato, stai bene, e' passata anche questa e, credo, sei gia' pronto per la prossima.
    per me fa CV.

    RispondiElimina
  9. Questa fa CV...e alla grande anche...bravo Nino!!

    RispondiElimina
  10. ho visto parte della gara in tv.. teribbbbbile...!
    bravi gia ad arrivare al traguardo ;-)

    RispondiElimina
  11. Hai ragione Nino, siamo arrivati insieme! Fa sorridere pensare come due percorsi così diversi si siano incrociati per un attivo sotto uno stesso striscione!
    Complimenti per la tua gara. Pizzolato dice che, da una statistica sui suoi atleti, chi corre sulle tre ore ha pagato circa 6 minuti. Personalmente ritengo di non aver perso più di 3'-4' su mio miglior tempo ipotizzabile.
    Ciao

    RispondiElimina
  12. Hai ragione Nino, siamo arrivati insieme! Fa sorridere pensare come due percorsi così diversi si siano incrociati per un attivo sotto uno stesso striscione!
    Complimenti per la tua gara. Pizzolato dice che, da una statistica sui suoi atleti, chi corre sulle tre ore ha pagato circa 6 minuti. Personalmente ritengo di non aver perso più di 3'-4' su mio miglior tempo ipotizzabile.
    Ciao

    RispondiElimina
  13. basta vedere quanto ci ha messo il primo arrivato per capire la difficolta' in quelle condizioni ..........no ti dico bravo ma BRAVISSIMO!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  14. cmq complimenti! un bollettino di guerra i vostri resoconti, non era certo giornata da pb: ma il tuo time? ho capito solo che sei partito troppo veloce.... ;D

    RispondiElimina
  15. Eroico come tutti quelli che l'hanno portata a termine. Il tempo è un dettaglio. Grande impresa Nino, una di quelle che racconterai di sicuro.

    RispondiElimina
  16. @kaiale: già aggiornato
    @Marco Bucci: difficile immaginare che a firenze possa essere stato peggio.
    @Andreadicorsa: grazie
    @MauroB2R: non c'è proprio storia. grazie
    @andrea dugato: divertimento ? ora che sono a casa ci rido sopra. sul punte un po' meno.
    @Hal78: grazie
    @francos: grazie
    @Daniele: in effetti è quello che conta. neanche un raffreddore o colpo di tosse.
    @Kikko: grazie
    @Pimpe: grazie
    @TurcoCheCorre: io sinceramente ho pensato solo a dosarmi per non rischiare niente. stavolta non ho fatto conti
    @lello: grazie
    @marco: grazie. però ti vedo distratto: 190' e poi ho pubblicato anche una foto dell'arrivo
    @Drugo: grazie

    RispondiElimina
  17. azz, non avevo ingrandito..... cmq mi pare superlativo, sul serio!

    RispondiElimina
  18. complimenti! tenace fino in fondo ... ma quanta acqua avete preso? penso che te la ricorderai per un po!

    RispondiElimina
  19. @tosto: più dell'acqua, la bora......

    RispondiElimina