martedì, marzo 26, 2013

42° Stramilano

Quarantaduesima edizione di quella che, a torto o a ragione, viene considerata la corsa la più famosa d'Italia. Tre distanze, 10k, 5k per i più piccini e la mezza agonistica, per una festa che, ogni anno, riesce a coinvolgere più di "50000" (almeno così recista lo slogan) runners di tutte le età. E nonostante una temperatura da fine febbraio e una incessante pioggia battente, non sembrano molti quelli che, scoraggiati dal clima, hanno deciso di rinunciare all'appuntamento con la corsa meneghina. 
Ore nove la "50.000", nove e quarantacinque la Stramilanina e alle undici, davanti al Castello Sforzesco, la partenza della mezza agonistica per una domenica che reagala a tutti i partecipanti una Milano diversa.
Sveglia ad un orario "da domenica", abbondante colazione e subito dopo in macchina direzione Milano con l'obiettivo di trovare un parcheggio non troppo distante dall'Arena Civica. Un rapido saluto agli amici, cambio d'abito, deposito borsa e poi di corsa in zona partenza sfruttando la distanza per il solito finto riscaldamento. 
Ed ecco che a soli sette giorni dalla quarantadue di Roma, sono di nuovo sotto un gonfiabile con appuntato un pettorale e senza la benchè minima intenzione di usare il buon senso optando per una saggia condotta di gara. Percorso piatto (e dopo Roma è tutto "grasso che cola"), temperatura bassa e con le buone sensazioni provate nell'ultima uscita del venerdì, si va. Punto. E poi ci sono le nuove #boost da testare per bene, provare, a ritmi sostenuti, le reazioni della nuova intersuola targata BASF.
Dieci, cinquantanove e spiccioli e al tradizionale colpo di cannone del Reggimento di Artiglieria a Cavallo “Voloire” si parte. Solita confusione iniziale ma, grazie alla larghezza delle sede stradale e alla posizione "conquistata" in griglia, riesco già da subito ad impostare il ritmo desiderato. Classico e collaudato percorso che, una volta lasciato il Castello ci porta verso l'Arena poi Corso Sempione da percorrere nei due sensi permettendo a tutti i partecipanti di vedere che la gara è già una questione dei soliti e fortissimi atleti degli altopiani. Di nuovo all'Arena per il passaggio sul tappeto TDS posto al quinto chilometro prima di dirigerci verso i Bastioni di Porta Nuova. Il ritmo è buono, le gambe rispondono e il trenino che si è formato un migliaio di metri dopo la partenza sembra essere quello giusto. E per una volta voglio fare a meno del garmin. Ogni tanto una rapida occhiata e nulla più. Nessun calcolo, questa volta finchè ce n'è, si va a sensazione. Melchiorre Gioa, Corso Buenos Aires e circonvallazione interna direzione Piazza Cinque Giornate con il passaggio ai dieci una ventina di secondi sotto i 40'. Piazza Medaglie d'Oro, Ticinese e Viale Papiniano, via Washington e il tappeto del quindicesimo sotto i sessanta. Tocca crederci. Piazza Piemonte, Velodromo Vigorelli, Piazza Damiano Chiesa e di nuovo in Corso Sempione per gli ultimi tre chilometri. Diciannove, venti e il display del Garmin, non ho saputo resistere, che indica unoradiciannoveespiccioli. Via Francesco Melzi, viale Byron e finalmente l'Arena Civica da percorrere per tutta la sua lunghezza prima dell'ingresso dalla porta Trionfale con la consapevolezza e la rabbia per un personale che sicuramente sfuggirà per una misera manciata di secondi.
Appena sopra gli 84'. E per una volta posso permettermi di dire che non sono per niente soddisfatto.
Stavolta brucia troppo.

15 commenti:

  1. Dai non è pur sempre il pb? Bravo!

    RispondiElimina
  2. ma dopo una mara così difficile e tirata... zzo pretendevi? ;)) anzi....

    RispondiElimina
  3. ma piantala che a mezzanotte eri ancora in cima al pirelli a ingurgitare dolci ecc ecc... :-DDD con gente losca... :-DDDDD

    RispondiElimina
  4. va bene va bene...viste le condizioni meteo c'è da ritenersi soddisfatti

    RispondiElimina
  5. Con un meteo del genere e SOPRATTUTTO a soli sette giorni da una maratona, direi che ci sono AMPISSIMI margini di miglioramento... e poi un PB non si butta via mai... ;-)

    P. S. Alla fine, come sono 'ste scarpe?

    RispondiElimina
  6. Accidenti, 1.24 sulla mezza dopo una settimana da Roma...io sarei arci-contento!

    RispondiElimina
  7. AH! Sto sentendo male alle gambe anche per te!
    Ottimo tempo in ogni caso, ma mi permetto di dirti: Goditi un po' di meritato riposo ;) tornerai più fresco che mai e ben motivato ad allenarti per i prossimi obiettivi. La stagione è appena iniziata!

    RispondiElimina
  8. Credo, almeno io, che la mezza e la maratona si preparano diversamente, tu sei quello che vuole la botte piena e la moje 'mbriaca!
    Decidite, o prepari la mezza o la maratona!!
    E poi che è quel countdown li di lato per la Milano City Marathon???
    Hai fatto un ottima gara Nino, non essere troppo duro con te stesso

    RispondiElimina
  9. @Andrea87: purtoppo no e neanche il mio secondo under 84'. sigh!
    @theyogi: all'inizio niente, ma sai l'appetito vien mangiando. o no ?
    @Pimpe: secondo me devo ringraziare quelle tre o quattro mousse che mi sono sparata....
    @kaiale: a mente fredda si. ma ti assicuro che appena tagliato il traguardo non la pensavo in questa maniera.
    @Gianmarco Pitteri: dici ? speriamo
    @Alain Guidetti: ora anche io.
    @Clod: ancora u ultimo sforzo e poi il mio solito mese sabbatico. la primaparte della "mia" stagione finisce il 7
    @Master Runners: hai proprio ragione.

    RispondiElimina
  10. 'uanima Nino, con quel meteo, a distanza di una settimana da Roma, secondo me sei un pò troppo duretto con te stesso.. E che cavolo!!!
    Voi podisti bravi siete proprio una "razzaccia" :D :D :D

    RispondiElimina
  11. secondo me e' colpa delle scarpe, non le ho testate di persona ma ho il sospetto che provochino un eccessivo rimbalzo. ma forse sono solo prevenuto (e di brutto ;)

    RispondiElimina
  12. Non c'è verso, a twittar con certa gente poi si piglia il vizio del lamento... :D
    Ma 'ste scarpe??

    RispondiElimina
  13. la settimana dopo la maratona hai fatto un ottima gara!!!!!!!!!bravo

    RispondiElimina
  14. @mauro: forse si.
    @daniele: no le scarpe non c'entrano anzi. a me stanno cominciando a piacere e tanto.
    @bruno: dici che sto prendendo 'sto brutto vizio ?
    scarpe ? buone!!
    @lello: grazie

    RispondiElimina
  15. le adidas calzano alla perfezione sul mio piede stretto, ne ho consumate pure io negli anni scorsi, eppure la cosa strana è che, ora che frequento qualche negozio specializzato, di adidas non se ne trovano neanche a pagarle.
    la prossima volta chiederò spiegazioni al commesso!
    PS: a domenica ;)

    RispondiElimina