mercoledì, aprile 10, 2013

#MCM2013

Tredicesima edizione della maratona di casa e prima di una serie di "domeniche a spasso". Difficile rinunciare ad una così ghiotta occasione: padroni della città per una intera mattinata. E chisseneimporta se in ventun giorni mi sono già messo alle spalle un'altra quarantadue e una mezza tiratissima. Sveglia, colazione e, in ritardo come sempre, in macchina direzione stazione per prendere il passante direzione Rho-Fiera dove è prevista la partenza della gara. E con le previsioni che da giorni indicano (nuovamente) che si tratterà di gara bagnata scoprire che, nonostante il cielo plumbeo, l'asfalto è ancora completamente asciutto rinfranca.
Prima delle otto in fiera e una dopo una "passeggiata" di migliaio di metri tra le due file di padiglioni in fase d'allestimento per l'imminente salone del mobile, tutti nel grosso parcheggio coperto adibito a spogliatoio. Solita farsa del riscaldamento e alle nove in gabbia in attesa dello start previsto per le nove e ventidue (?!?).
Una trentina di chilometri al seguito dei pace dai palloncini verdi e poi quello che arriva si prende. Per questa parte di stagione ho già dato. Inutile sperare, o peggio, illudersi nell'impossibile. Arrivare senza strafare e portare a casa la ventitreesima medaglia.Nove e ventidue e allo sparo del cannone del Reggimento Artiglieria a Cavallo "Voloire" si parte.  Pero, Figino, via Novara e intorno all'ottavo chilometro si entra in città. Al decimo, prima di raggiungere S.Siro, in quarantadue e spiccioli, Piazzale Lotto, dove è previsto il primo cambio della staffetta, Lampugnano, la Montagnetta, e il lungo viale Alcide de Gasperi che ci porta al polo cittadino della Fiera. Piazza Damiano Chiesa e il primo passaggio in Corso Sempione, assaggio di quelli che saranno poi, gli ultimi interminabili tremila metri. L'Arena civica e il tappeto della mezza una trentina di secondi sotto i novanta, Bastioni di Porta Nuova e una volta in Piazza della Repubblica il "vai e torna" in via Vittor Pisani dove si trova il secondo cambio della staffetta. Bastioni di porta Venezia con i suoi giardini e di nuovo un "vai e torna" una volta imboccato viale Majno dove comincio a perdere contatto con il nutrito gruppo a seguito dei pace. Corso di Porta venezia, San Babila, il Duomo, la Scala, dove è posizionato il tappeto del trentesimo (ancora in media), e il passaggio, dopo un migliaio di metri, in largo Cairoli dove salutare la moglie e poter buttare un occhio sul gonfiabile da attraversare (forse) una cinquantina di minuti dopo. Trentadue, trentatre, dove è posizionato l'ultimo cambio della staffetta, e il passo dei primi due terzi di gara comincia a diventare un lontano ricordo. Stringo i denti ma non c'è niente da fare. Consapevole che è inutile insistere cerco comunque di limitare i danni alzando ancora di più il ritmo e non disdegnando, in due o tre occasioni, qualche decina di metri al passo per rifiatare. Trentasei, trentasette, il Vigorelli al trentotto e poi di nuovo Corso Sempione dove comincio a fare gli inevitabili calcoli sull'ipotetico risultato finale. L'Arena, viale Gladio e, finalmente, la sagoma inconfondibile del Castello Sforzesco.
Ultime energie da estrarre dal cilindro e in fondo al viale il display TDS che scandisce i secondi.
Under 190. Soddisfatto e anche tanto.

9 commenti:

  1. buonissimo, dai! e per una volta senza sputi.... ;)

    RispondiElimina
  2. almeno uno, di quelli con le Boost, l'ho lasciato indietro, anche se di un nulla ;)

    RispondiElimina
  3. @marco: grazie. e quanto è bello 'sto nuovo percorso !!!
    @daniele: mi dispiace deluderti ma ho corso con le snova5. leggero fastidio alla caviglia. e non potendo spingere per tutta la gara non ho voluto rischiare nulla.
    ps. ho visto il tuo post. peccato. andavi veramente forte.

    RispondiElimina
  4. complimenti Nino!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Eppure dovresti fare Roma come lungo a 3h e 30 e tirare Milano... è l'unica per le 2h e 59

    RispondiElimina
  6. @giancarlo: lo so. ma va bene così
    @pimpe: grazie

    RispondiElimina
  7. Complimenti per l'under 190!
    Per la pioggia, era una questione di minuti :) Penso che abbia finito di piovere anche a Cologno per le 9.22. Ma io ero fuori prima.

    RispondiElimina
  8. @franzamigoni: grazie. fortunatamente un'altra gara asciutta. La stramilano è stata più che sufficiente

    RispondiElimina