lunedì, giugno 03, 2013

corsa vs bici

Accantonate momentaneamente le competitive per mancanza di offerta in zona si  passa alle classiche tapasciate con due altrettanto valide possibilità: tredici chilometri a Villanova di Nerviano o dieci chilometri immersi nel parco del Ticino. Tocca solo scegliere.
Borsa pronta davanti alla porta, sveglia puntata come in un normale giorno lavorativo e dopo la colazione in macchina verso la meta. Ah già, dimenticavo un piccolo particolare: tocca prima svegliarsi e alzarsi dal letto.
Sveglia "uccisa" al primo cenno di suono e occhi aperti con il sole già alto sull'orizzonte.Vedere poi una domenica mattina così soleggiata mi ha fatto ricordare che, da qualche parte, è riposto uno strano attrezzo dotato di ruote. E se normalmente la questione non si pone, almeno per un altro mese posso anche permettermi di scegliere. Una sessantina di chilometri destinazione Castiglione e ritorno senza strafare consapevole che forse, alla fine, potrei anche accontantarmi di riuscire a portarne a casa poco più della metà.
E in effetti, arrivato alla chiesetta di Torba, con il Garmin ad indicare quota "venti", è bastato un niente  decidere di invertire il senso di marcia e ritornare a casa.
Quaranta chilometri in un'ora e trentacinque e ancora tutte le forze per affrontare un intero pomeriggio di shopping con la dolce metà.
Ogni tanto ci tocca.

9 commenti:

  1. shopping con il sole è devastante!!
    ti sono vicino!!

    RispondiElimina
  2. Ho sperato che venissi a correre nel parco del Ticino...poi non vedendoti ho realizzato che fossi andato a correre qualche altra gara...invece eccoti la sorpresa delle due ruote...allora sei scusato;-)

    RispondiElimina
  3. @mauro: grazie per la comprensione
    @kikko: è stato più forte di me. manona sulla sveglia e altre due ore di sonno
    @gianluca: un attimo di debolezza.

    RispondiElimina
  4. anche un'alternativa divertente, oltre che una vacanza per le gambe.. no?!

    RispondiElimina
  5. Ma di gare nel parco del Ticino nn se ne fanno? Ti invidio, sai...

    RispondiElimina
  6. ogni tanto cambiare ci vuole, rispettando le proprie preferenze, s'intende.

    RispondiElimina
  7. dopo la Monza Resegone devo decidere anche io a fare qualche pedalata

    RispondiElimina
  8. @marco: direi proprio di si.
    @anna: purtroppo me la sono persa.
    @tylerdurden: concordo
    @lello: dopo la monza-resegone ti tocca preparare la maratona autunnale. niente distrazioni.

    RispondiElimina