domenica, settembre 08, 2013

Failed



Quattro uscite particolarmente soddisfacenti per una cinquantina di chilometri e, per chiudere degnamente la settimana, il lungo da 29 in programma, come spesso accade, al sabato con il solito e colaudato giro in Valle Olona. Casa, Kapuziner e ritorno lontano dal traffico con l'andata a passo turistico e il ritorno da fare in progressione. Sveglia ad un orario decente e poco dopo le otto in strada per svolgere il compitino assegnato.Un paio di chilometri per dare anche alle gambe il tempo di svegliarsi e, una volta raggiunta la ciclopedonabile, cerco, senza riuscirci, di imposrare un ritmo prossimo ai 4' e 50". Prime avvisaglie di quello che mi toccherà da lì a una cinquantina di minuti. Giro di boa appena sotto i 70 minuti e, come da programma, deciso cambio di ritmo che riesco a mantenere per soli sei chilometri prima di dover nuovamente alzare il piede dall'acceleratore e tornare su ritmi più blandi. 
Altri quattromila metri e, complice il gran caldo, decido che non è giornata. Inutile continuare a soffrire dimenticando che, per tornare a casa, i chilometri mancanti li devo comunque fare. Un'altra ora sulle gambe e parecchia rabbia da smaltire per non essere riuscito a completare quanto preventivato.
E oggi in una sorta di espiazione da compiere di nuovo in Valle Olona. Solito paio di chilometri per portare in temperatura le gambe e poi in progressione sino al chilometro ventidue. Altri tre e rotti per tornare a casa e fatica chiusa in un'ora e cinquantotto. #Tantaroba

9 commenti:

  1. Sorridi e fregatene! Leggi efficaciemente di oggi, cerca il sito e buona lettura! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ne farò certo una malattia.

      Elimina
  2. Ti capisco bene. Riuscire ad equilibrare bene lavoro e recupero non è facile, ma qualche volta, fallire, ci insegna qualche cosa che ci era sfuggita.

    RispondiElimina
  3. Capita a tutti che un allenamento, o una gara, non vada come preventivato (se ricordi l'ultimo mio commento sul tuo blog, parlavo proprio di questo visto che mi era capitato). L'importante è trisucire a trarne il giusto insegnamento.

    RispondiElimina
  4. Dai dai, che per Venezia la strada è lunga... Ricorda che nella vita, come nel baseball (cit) si può vincere, perdere, oppure piove... E se piove a Venezia c'è acqua alta :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e se c'è l'acqua alta giriamo di più a parco san giuliano.

      Elimina
  5. siamo amatori non e' la nostra professione...
    io ho dovuto aspettare le ferie per riprendermi...
    dormire e mangiare...

    RispondiElimina