mercoledì, marzo 12, 2014

Abbattuto

Con lo spostamento della Mezza di Piacenza alla prima domenica di Maggio tocca alla Lago Maggiore Half Marathon diventare il banco di prova dove testare la condizione raggiunta prima dell'appuntamento con la distanza regina.
Arrivata ormai alla settima edizione questa mezza, che alterna partenza e arrivo ogni anno, viene definita, come recita lo slogan sull'home page, la 21K con il percorso più panoramico d'Italia.
Sole, temperatura (decisamente) primaverile e, dopo cinque mesi, l'occasione buona per tornare a correre con le "gambette" a vista. Ritiro pettorale, cambio d'abito e dopo un breve riscaldamento sotto il gonfiabile in compagnia di Kikko in attesa dello start che arriva puntuale alle undici.
Le gambe girano già da subito e l'ultimo lavoro in tabella (3x5000) archiviato a metà settimana sembra non aver lasciato strascichi. Il primo chilometro è addirittura troppo veloce e tocca stare attento a non farsi prendere dall'entusiasmo perchè il percorso, per quel che mi riguarda, è ancora un'incognita e quello che so è frutto del resoconto di chi, a questa corsa, ha già partecipato: tre salite con l'ultima, in ingresso a Stresa, davvero tosta. Ritmo prossimo ai quattro e primi chilometri che, letteralmente, volano distratto dal panorama offerto dal Golfo Borromeo.
Intra, FondoToce, Feriolo, Pradera e il passaggio al decimo appena cinque secondi sotto i quaranta minuti (in gara mai fidarsi del Garmin). Inutile nascondersi tocca provarci. E se alla partenza, nonostante l'incitamento di Kikko, non ne ero del tutto convinto, le sensazioni a metà gara non lasciano dubbi: c'è un personale da ritoccare. I chilometri si susseguono e, come a Vittuone, la "compagnia" piano piano comincia ad abbandonarmi. Non resta che incominciare a pensare in grande. Dodici, tredici, quattordici e la temuta salita in ingresso a Stresa da affrontare senza strafare consapevole di potere recuperare i secondi persi (magari con gli interessi) una volta "scollinato".
Qualche centinaio di metri ed ecco, a sinistra, il gonfiabile posto all'arrivo giusto in tempo per vedere il vincitore tagliare il traguardo una cinquantina di secondi sopra i sessanta minuti. Meno di sei chilometri. Poco più di venti minuti e la domenica potrebbe assumere un aspetto ancora migliore. Diciassette, diciotto e il giro di boa dove è posizionato il secondo "tappeto" tds. Ancora tre chilometri. Anzi meno. Inutile fare calcoli. Tocca solo spingere. Tre e cinquantatre, tre e cinquantadue, tre e quarantotto e il display sempre più vicino ad indicare un tempo abbodantemente sotto gli ottantaquattro. O come direbbe Guido Meda ottantatre (quasi) basso.

32 commenti:

  1. a cannone , sverniciato il pb .. grande Nino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e si. ormai c'erano anche le ragnatele

      Elimina
  2. Come ti ho detto più volte prima di partire,questo era il giorno giusto per provarci visto la tua forma perfetta...sono contento di aver avuto ragione...grand Nino...davvero grande

    RispondiElimina
  3. Nino, complimenti di cuore... poco più di ottantatre, un tempo fantastico! Grandissimo!

    RispondiElimina
  4. Grande tempo in uno bellissimo tracciato, invidia doppia! complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie. davvero una bella mezza

      Elimina
  5. Ogni traguardo un'impresa, ogni pb abbattuto un altro più ostico da limare.. Grande Nino!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sa che questo resisterà per un bel po'

      Elimina
  6. Vivissimi complimenti ed ottimo viatico per la tua futura maratona

    RispondiElimina
  7. Bella prestazone Nino e nella sobrietà del resoconto mi hai ricordato qualcosa di quando anni fa le mezze su strada le correvo ancora.
    Complimenti per il personale; mi sarebbe piaciuto incontrarvi e salutarvi.
    Ciao ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per i complimenti e mi dispiace di non avere avuto la possibilità di incontrarti e conoscerti. ma vedremo di recuperare alla prossima occasione

      Elimina
  8. Se a roma non mi fai 179 paghi caffè per tutti! Grande Nino!

    RispondiElimina
  9. Complimenti davvero, gran tempo! Buon divertimento a Roma, ci sarà da ballare con altri 19.060 scalmanati ;D

    RispondiElimina
  10. Mi sono rincuorato leggendo il post .. dal titolo avevo pensato che tu fossi abbattuto :) beh! allora stappiamo :)

    RispondiElimina
  11. Io su di te non ho mai avuto dubbi... troppo il migliore!

    RispondiElimina
  12. davvero Nino: quoto Master! Sei un cavallo su cui scommettere per arricchirsi :D :D :D

    GRANDE

    RispondiElimina
  13. complimentoni nino, bravo veramente
    è il tempo a cui punto io.....se becco il giusto profilo astrale...il 6 aprile alla mezze dei dogi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e grazie e in bocca al lupo per la tua mezza

      Elimina