lunedì, maggio 12, 2014

Midnightrun.4

Metti un venerdi sera di maggio, cielo sereno, temperatura gradevole e all'Arco della Pace, nei locali della movida milanese, un pienone stile metropolitana nelle ore di punta e tu, alle ventitre, in pantaloncini e canotta pronto, e in buona compagnia, per la nuova edizione della midnightrun, la gara non competitiva che si prefiggere di raccogliere fondi per l'Anlaids Lombardia, l’associazione impegnata nella lotta all’AIDS. Tre, sei o nove chilometri da percorrere tra castello e parco Sempione. Un percorso niente male che illuminato artificialmente assume decisamente un certo fascino anche se dietro la triennale si corre nella quasi totale oscurità. Raggiunta l'Arena se ne percorre buona parte del perimetro per poi uscire sulla ciclabile di Via Legnano prima di rientrare nel parco all'altezza di Viale Gadio. Circumnavigazione del Castello e ultimi tre, quattrocento metri di nuovo nel parco per chiudere il giro. Molti lì per correre, forse di più per passeggiare, ma tutti con la stessa voglia: divertirsi. Solita attesa, un po' di riscaldamento e a mezzanotte precise si parte..... troppo forte. E me ne accorgo anche senza dover guardare il gps. Senza chip, senza classifica con una misurazione approssimativa del percorso (alla fine i chilometri saranno quasi dodici) perchè tirarsi il collo anche in questa occasione ? E allora, dopo il primo giro chiuso sotto i sedici minuti, via (solo un po') il piede dall'acceleratore correndo a mo' di fotocopia i restanti due giri sopra i sedici e concludendo la fatica in quarantotto e otto. Ristoro, macchina e a casa per le due. Giusto il tempo di una doccia e a nanna per un meritato riposo. 

10 commenti:

  1. Correre per il gusto del correre, in una gara a sfondo benefico. Hai fatto bene, e hai fatto del bene, anche...

    RispondiElimina
  2. bravo Ninuzzo, senza pensieri ogni tanto ci vuole :)

    RispondiElimina
  3. Correre solo per la voglia di farlo senza guardare gps o pensare alla classifica e soprattutto correre per beneficenza: bravo! Credo che queste cose contirubiscano a farci apprezzare meglio questo sport.

    RispondiElimina
  4. Bello correre di notte, bello correre per beneficienza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gareggare al buio ha sempre il suo fascino

      Elimina
  5. Grande Nino, correre per fare del bene è lodevolissimo... e ci si diverte di più!

    RispondiElimina