martedì, ottobre 14, 2014

Game over

E alla fine mi sono dovuto arrendere all'evidenza dei fatti. Nonostante tecar e sette giorni di stop non sono riuscito a venirne a capo. Se corro il bicipide femorale mi fa male. Inutile insistere. E soprattutto speriamo di non aver fatto ulteriori danni. Con il senno di poi sarebbe stato più intelligente fermarsi al primo sentore, invece, ad un mese dalla quarantadue ho pensato bene di non interrompere la preparazione e continuare convinto che, come sempre, il dolore sarebbe passato nel giro di qualche giorno. Ed invece sono qui a leccarmi le "ferite". Non resta che prendersi un "meritato" periodo di riposo e voltare pagina guardando al prossimo obiettivo. 
In primavera, ad attendermi, c'è un'altra quarantadue.

21 commenti:

  1. Ok Nino, si tratta soltanto di un riposo leggermente più lungo... una buona preparazione ed a Primavera tornerai a volare!

    RispondiElimina
  2. Non so cosa dire...una volta che potevamo correre una maratona insieme...ecco che succede sempre l'imprevisto...mi spiace Nino davvero tanto.

    RispondiElimina
  3. nooooo...mi spiace..........anche io sono sulla strada per dire no a torino

    RispondiElimina
  4. Nino, ora l'under 180 è d'obbligo a Roma! Buona fortuna

    RispondiElimina
  5. Dopo quasi 30 anni di sport a livello agonistico, posso dirti per esperienza personale che a volte gli infortuni passano anche continuando ad allenarsi, a volte purtroppo no...
    Come ben sai, a volte ce ne accorgiamo in tempo, ogni tanto invece chiudiamo gli occhi sui dolori (sbagliando) e speriamo si risolva tutto...ti auguro ti guarire in fretta!
    P.s.: Sono ormai due mesi che se forzo troppo o vado in salita il bicipite femorale punge...speriamo smetta... :)...per ora chiudo gli occhi...

    RispondiElimina
  6. Bravo hai detto bene,guarda al prossimo obiettivo e non voltarti indietro,come quando corri...

    RispondiElimina
  7. capita. basta prenderla con filosofia. ci sono cose ben più gravi. alla fine questa è solo una "fesseria".

    RispondiElimina
  8. La vita del podista e' anche questo purtroppo, l'importante e' mettere le cose nella giusta prospettiva e non fare drammi per problemi che si superano con un po' di sano riposo. Poi, ovviamente, tornerai piu' forte di prima, lo sappiamo tutti!

    RispondiElimina
  9. dispiace Nino, daje un po' di riposo e poi si riparte.

    RispondiElimina
  10. purtroppo si cade sempre negli stessi errori! vabbè dai, dopo il riposo forzato si riparte come tante altre volte :)

    RispondiElimina
  11. Mi spiace molto, ma penso tu debba affidarti ad un bravo massaggiatore sportivo. TECAR e macchinari vari per me sono inutili. Solitamente sono punti delicati perché viene fatto poco stretching specifico

    RispondiElimina
  12. cazzarola Nino, me dispiace DAVVERO.. come x LELLO: fai tesoro di queste "lezioni"

    RispondiElimina