martedì, luglio 07, 2015

3, 2, 1, gooooo!!

Ed eccomi di nuovo ad affrontare le canoniche sedici settimane di preparazione alla maratona autunnale. Quattro lavori a settimana con un carico di chilometri che progressivamente aumenterà sino ad arrivare ad una ventina di chilometri a seduta (lunghi esclusi).
Tanto, forse troppo, entusiasmo per una prima settimana archiviata brillantemente (60km) contrapposto alla delusione per queste due prime uscite davvero difficili. Il caldo e l'afa non danno tregua e portare a casa quanto preventivato risulta piuttosto complesso se non addirittura, come ieri sera, impossibile. Mattina presto o sera tardi poco cambia. A livello di umidità si equivalgono.
Inutile farsi troppi problemi., tocca fare di necessità virtù e si prende quello che arriva.
Ancora brucia il ricordo di una preparazione perfetta con condizioni climatiche perfette conclusa invece anzitempo quando ormai il traguardo era a portata di mano.
Stavolta l'obiettivo è molto meno ambizioso: correre la maratona.
Il resto non conta.

2 commenti:

  1. Nino, i nostri programmi coincidono totalmente e con essi condividiamo pure afa, caldo ed umidità... insopportabili! Tieni duro, un atleta del tuo calibro è più forte anche della calura estiva.

    RispondiElimina
  2. Quale sarà il campo di battaglia? Se Verona ci si vede

    RispondiElimina