martedì, ottobre 13, 2015

11° Deejay Ten Milano

11° deejayten
Undicesima edizione, nuovo percorso e nuovo record di presenze per la corsa "inventata" nel 2005 da Linus. Dalle poche migliaia pronte, in una soleggiata ultima domenica di ottobre , a calpestare l'asfalto attorno a S.Siro all'interminabile fiume giallo nel salotto buono di Milano. E l'attesa dello start sotto la Madonnina non può che farmi tornare indietro nel tempo. Duemiladue. 
Ultima Stramilano dei 50000, quando ancora la corsa era l'unico modo per non sembrare, sui campi di calcetto, come l'omino del subbuteo piantato sul proprio metro quadro di verde. 
La Deejay Ten, ormai da qualche anno, ha assunto dimensioni tali per cui, se non parti davanti, ti devi rassegnare e te la devi prendere comoda. Non è questa la "gara" della vita dove riporre le speranze di personale. E forse trasformarla, come a Firenze e a Bari, in una "non competitiva" le fa assumere agli occhi di tutti il contesto che le spetta, quello della festa. 
Giusto il tempo di vedere Valentino Rossi tagliare il traguardo del gran premio del Giappone alla spalle di Pedrosa e sono in macchina direzione Milano. Parcheggio comodo, RunBase, e via al piccolo trotto con direzione Duomo. Prima wave, posizione sotto il gonfiabile soddisfacente e quindi si va. Nessuna ambizione particolare (e dopo il lungo del venerdi sarebbe anche assurdo provarci) ma un realistico underquaranta potrebbe essere alla mia portata. O almeno ci voglio provare. 
Ore dieci e al conto alla rovescia scandito all'unisino si parte. Corso Vittorio Emanuele, San Babila, Corso Venezia. Non sono molte le occasioni di correre in centro e a "piedi" si riescono ad apprezzare scorci che difficilmente in macchina si ha la possibilità di cogliere. Ci sono i pacer e ne approfitto lasciando a loro il compito di guidarmi. O almeno ci provo per i primi quattro chiometri. Ma è un ritmo che non penso di poter mantenere ancora a per molto.
11° DeejayTen
Stanchezza da lungo, pavè tanto sconnesso da far rimpiangere i più famosi sanpietrini della capitale e tocca allentare la "presa" con un quinto chilometro a RM. Ma non dura molto, aiutato dal ristoro di metà gara o più semplicemente dal poter correre di nuovo su asfalto ricomincio a spingere con una lenta progressione. Di chilometri ne mancano pochi e anche senza fare troppi calcoli è evidente che l'obiettivo dei trentanove e spiccioli ce lo siamo giocati. Via Massena, Viale Elvezia, Via Legnano e il traguardo ad un tiro di schioppo. Ormai è fatta, un ultimo sforzo e anche questa dieci finisce in archivio. 
Under quarantuno. Per oggi può bastare.

3 commenti:

  1. io l'ho fatta l'anno scorso ed era la mia terza "gara". ricordo che impiegai poco più di 58 minuti per i 10.200 metri di distanza. mi sembrò di far parte di una cosa bellissima, quest'anno non l'ho fatta un pò perchè non potevo un pò perchè ho capito che questi eventi mondani e modaioli non fanno per me. anche quando faccio le mezze (per come le faccio....) preferisco quelle con 1000 iscritti massimo che quelle con 5.000 iscritti.

    RispondiElimina
  2. A giudicare dalla tua posizione in partenza e il tuo tempo finale, mi sa che abbiamo corso parecchio insieme.

    RispondiElimina
  3. Buon allenamento, Nino. Date le circostanze (lungo 2 giorni prima e tipologia di tracciato) non era questa la gara in cui strafare. E comunque ottimo under quarantuno!

    RispondiElimina