domenica, settembre 25, 2016

Fisherman’S Friend Strongmanrun 2016
GRAN FINALE A ROVERETO PER L’ULTIMO APPUNTAMENTO DELLA FISHERMAN’S FRIEND STRONGMANRUN DEL 2016

Un percorso sfidante e intenso ha caratterizzato la 5^edizione della corsa a ostacoli più famosa in Italia. Ambassador d’eccezione Irma Testa, prima pugile della storia italiana alle Olimpiadi

Fisherman’S Friend Strongmanrun 2016
Photo ANSA
Rovereto, 24.09.16Più strong di così…Un’edizione per strongmanrunner veri, quella di Rovereto, che non ha concesso un attimo di tregua ai partecipanti. D’altronde, gli ingredienti per una special edition c’erano tutti: ostacoli spettacolari come non mai (per esempio, c’era il più alto mai realizzato), una nuova staffetta, travestimenti originali, visi sorridenti, mani che si aiutavano nel superare i 32 ostacoli presenti sul percorso lungo 20km. Tutto ha contribuito al successo a Rovereto della quinta edizione della Fisherman’s Friend StrongmanRun con l’ultima tappa del 2016, disputata oggi. La corsa più forte di tutti i tempi, organizzata in Italia dal 2012 da RCS Sport e RCS Active Team, ha richiamato nella località trentina 3623 strongmanrunner, portando il tetto totale di partecipanti italiani alla stratosferica cifra di 27.654.

A caratterizzare questa tappa sono stati gli ostacoli, decisamente spettacolari e molto più duri rispetto agli anni precedenti, che hanno affascinato ed entusiasmato non solo gli strongmanrunner ma lo stesso pubblico che, per tutto il pomeriggio, ha tifato per loro incoraggiandoli e sostenendoli durante tutta la corsa. Degno di nota l’ostacolo posizionato in corso Bettini, il più alto mai visto prima nella storia della Fisherman’s Friend StrongmanRun con 23 balle di fieno, 2500 pneumatici, 2 container scoperti pieni d’acqua, 9 container da 20 piedi, 1 rete da carico per un’altezza di quasi 7 metri. Così come i due nuovi ostacoli sopraelevati in piazza del Podestà (passaggio sopraelevato) e in via Benacense (attraversamento sopraelevato), che hanno permesso di non chiudere la viabilità in quei tratti e regalare un affascinante colpo d’occhio. Non sono mancati, inoltre, gli “intramontabili” come la vasca di schiuma, le corde elastiche, i muri di paglia anche a scacchiera, i cavalletti in legno, passaggi nel fango e nel "mondo acquatico" lungo il fiume Leno e nella storica piscina.


Fisherman’S Friend Strongmanrun 2016

Un’edizione tutta ecologica, certificata da Dolomiti Energia (100% energia pulita), che ha visto la nuova partecipazione in coppia nella modalità staffetta con il punto di cambio al 10° chilometro e l’amministrazione comunale particolarmente impegnata con le associazioni locali nel celebrare uno degli appuntamenti ormai più attesi del calendario con l’organizzazione di tanti piccoli eventi, musica live lungo il percorso con i percussionisti posizionati in ogni ostacolo, nonché una raccolta fondi per le popolazioni colpite dal terremoto ai Giardini Perlasca con la preparazione di una pasta all’ amatriciana per la città a cura del Coro Sant’Ilario. Insomma, un percorso tutto urbano che ha dato vista a feste in tutti i quartieri.
“Un grande successo, oggi, proprio nel luogo, Rovereto, dove la Fisherman’s Friend StrongmanRun è stata organizzata per la prima volta da noi nel 2012”, afferma Andrea Trabuio, responsabile area Mass Events di RCS Sport e RCS Active Team. “Un’avventura straordinaria a coronamento di un intenso lavoro di squadra e con impegno entusiasmante nella realizzazione di una fantastica edizione per lo spirito dei partecipanti e per la bellezza di ostacoli unici nel panorama europeo. Una corsa che è diventata un appuntamento irrinunciabile per chi ama fare sport, non solo come sfida con se stesso, ma per vivere un giorno con grande divertimento e un momento di condivisione”.

Spiega Roberto Salamini, Responsabile Marketing&Communication di RCS Sport: “Una obstacle race in continua evoluzione e innovativa anche dal punto di vista della comunicazione, che ci ha permesso di mantenere viva e costante la promozione rafforzandone la notorietà. Molto bene anche i dati dei social network ufficiali con numeri cresciuti notevolmente. Il profilo ufficiale Facebook ha registrato in particolare rispetto allo scorso anno un incremento del 35% e gli utenti unici (raggiunti negli ultimi 6 mesi) sono cresciuti del 78%”.

L’edizione del 2016 ha puntato sul coinvolgimento e la partecipazione delle Strongwoman con la  presenza oggi di Irma Testa ambassador d’eccezione, diciottenne di Torre Annunziata, prima pugile italiana a partecipare ai Giochi Olimpici (Rio de Janeiro, 2016).

“E’ stato splendido per me poter partecipare a questo meraviglioso evento e godere della particolare atmosfera di festa che si respira a Rovereto grazie alla Fisherman’s Friend StrongmanRun”, ha affermato la giovane campionessa, Irma Testa, “Mi sono divertita tantissimo e nelle maschere strampalate e nei gesti di grande sportività dei partecipanti, ho ritrovato gli stessi valori della nobile arte del pugilato e dello sport: il rispetto assoluto prima di tutto”.

La Testa è stata preceduta dalla campionessa mondiale di karate, Sara Cardin a Bibione e dalle azzurre della Federazione Italiana Rugby, Melissa Bettoni e Ilaria Arrighetti a San Vittore Olona, nelle due tappe “Sprint” da 10km.


La campionessa di pugilato Irma Testa

Riguardo alle curiosità dei partecipanti: il più giovane è stato Sebastiano Spagnolli e la più giovane Lisa Mattè, entrambi diciottenni; Carlo Papa era il più anziano con i suoi 70 anni di età ma Maria Luisa Gonnet, strongwoman, fatto ancora meglio, dato che di anni ne ha 73. Riguardo alle nazioni, invece, oltre all’Italia, che ha naturalmente dominato, c’erano anche Svizzera, Germania, Slovenia, USA, Austria e Belgio.
Le regioni con il maggior numero di partecipanti sono state nell’ordine: Trentino Alto Adige, Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna; Trento la provincia più numerosa, seguita da Padova.
A vincere la gara con il tempo di 1:25:43 è stato l’atleta del team Brooks, Gabriele Abate, campione mondiale  di corsa in montagna; secondo Paolo Gallo, campione di corsa su strada sempre del team Brooks con il tempo di 1:26:04 e terzo Nicola Fulvio Boffelli con 1:34:21.
Le prime tre Strongwomen classificate sono state: Alessia Scalet (1:53:43), Sarah Natali (1:57:55) e Cristiana Giongo (1:59:12). Nella nuova categoria staffetta: prima coppia classificata tra gli uomini, quella di Diego Bazzoli e Juri Bazzoli (1:45:30); prima coppia donne: Corinne Corbau e Serena Melchiorri (2:25:08); infine, prima coppia nella staffetta mista, Elga Sterni e Giordano Arnoldi (2:01:45).
Dopo le premiazioni, tutti nella mischia dello StrongParty finale con musica e animazione dei DJ allo StrongVillage in Piazza Achille, addobbata a festa per l’occasione e con la scenografica cornice di casette di legno.

Nata in Germania nel 2007, la Fisherman’s Friend StrongmanRun è una “obstacle race” che, oltre a muscoli allenati necessari per superare i difficili ostacoli, richiede agli strongman di presentarsi al via mascherati nei modi più fantasiosi, per una giornata all’insegna della condivisione e dell’entusiasmo.

L’appuntamento di Rovereto, della Fisherman’s Friend StrongmanRun ha chiuso le tre tappe del 2016 dopo le due tappe “Sprint” da 10 km, a Bibione (VE) e a Milano - San Vittore Olona preceduti da alcuni allenamenti funzionali con i trainer professionisti del Cross Fit Olona.

Gli organizzatori ringraziano il Comune di Rovereto, il sindaco Francesco Valduga e l’assessore Mario Bortot e tutti i loro partner locali // i volontari lungo il percorso di ACTION AID
BROOKS - sponsor tecnico ufficiale // TECHNOGYM // CONAD // NAMEDSPORT
Media Partner: Radio VivaFM, la radio in movimento // La Gazzetta dello Sport.

Fisherman’S Friend Strongmanrun 2016


Official site
Facebook
Twitter
Youtube
FISHERMAN’S FRIEND STRONGMANRUN 2016

Silvia Lattanzio Ufficio Stampa FF Strongman Run c/o DMTC srl
Phone +39 0392496096

Mobile +39 3453733110
E-mail silvialattanzio@dmtc.it
Ivana Capozzi PR and Media Relations Manager RCS Sport
Phone +39 0225848176
E-mail ivana.capozzi@rcs.it
web: www.rcssport.it

Posted on domenica, settembre 25, 2016 by nino

No comments

martedì, settembre 20, 2016

venti.04
Piano piano, lemme lemme continua la lenta marcia verso la quarantadue. Venti chilometri, una distanza che non raggiungevo da tanto. 

Tanta la fatica ma altrettanta la soddisfazione di aver portato a casa quanto preventivato. Il passo non è certo quello della migliore condizione ma, sinceramente, in questo momento è l'ultimo dei miei pensieri. 

Otto e trenta, sotto una leggera pioggerellina, in strada direzione Valle Olona con le gambe che, come sempre appena sveglie, non ne vogliono proprio sapere di fare il loro dovere ma, poichè non comandano loro, si fa come dico io. O almeno ci si prova.
Il percorso, una lunga ciclabile ad un paio di chilometri da casa,  mi piace parecchio perchè impegnativa quanto basta e per niente monotona tanto da rendere superfluo l'uso della musica anche nelle sessioni più lunghe. 
Gente poca, MTB (visto il clima) ancora meno, il passo che oscilla tra i 5e10 e i 5e20 e il piacere di correre solo per il gusto di farlo come raramente mi capita con l'unica preoccupazione legata alla tenuta della caviglia.
Dieci chilometri in un senso e dieci chilometri a ritroso per un totale di un'ora e quarantacinque minuti sulle gambe.
Dai che si comincia a vedere la luce.

Posted on martedì, settembre 20, 2016 by nino

4 comments

domenica, settembre 11, 2016


12° Legnano Night Run - Foto di Luigi FrigoCominciamo dalla fine: under trentadue. Il che significa quattro e dodici di media. Un tempo che, sinceramente, non credevo ancora alla mia portata.

Sono dodici anni che la Legnano Night Run sancisce l'inizio della seconda parte della (mia) stagione agonistica. Dai trecento della prima edizione agli oltre tremila iscritti (oltre duemila e cinquecento gli arrivati) di quest'anno tanto da costringere l'organizzazione a spostare logistica, partenza e arrivo al Castello Visconteo perchè, visti i numeri, la sede stradale di Largo Tosi rischiava di provocare, alla partenza, pericolosi imbuti.

12° Legnano Night Run - percorso
Ritiro pettorale, cambio d'abito e una volta incontrato Kikko dentro al Parco Castello per un riscaldamento degno di tale nome.

Come da tradizione alle otto e trenta largo alla gara dei più piccoli e alle nove (molto elastiche) si torna ad essere protagonisti.

Dubbi tanti, certezze poche. Dopo 45 giorni di sosta forzata e solo un centinaio di chilometri nelle gambe è davvero dura capire quanto si possa osare, senza dimenticare poi, la spada di Damocle (leggi caviglia) che pende sul capo.

Nove e diciassette e finalmente si corre.

Non sono distante dallo striscione eppure, una volta partiti, quelli che mi precedeno sembrano già un'infinità. Le quattro corsie di Viale Toselli sono perfette e in un attimo sono già a ritmo gara. Nessuna partenza a cannone e per una volta il buon senso la fa da padrone.

Fa caldo, umido quanto basta ma non soffro particolarmente la cosa, anzi. Le gambe girano e la caviglia, che è la cosa che mi preoccupa di più. sembra starsene tranquilla.
Un occhio al Garmin e una al fondo stradale e lentamente comincio a recuperare posizioni. Quattro e venticinque al primo, quattro e ventidue al secondo e la sensazione di poter andare anche meglio.

12° Legnano Night Run
Come sempre correre in mezzo agli altri con un pettorale appuntato alla maglietta può fare miracoli e, anche in questa occasione, la regola sembra essere rispettata. E allora ci provo e si va finchè ce n'è. Passano i chilometri e l'arrivo in Viale Toselli è sempre più vicino. Qualche secondo tocca lasciarlo per strada ma il ritmo continua a mantenersi è al di la delle più rosee aspettative. Oramai ci siamo, pochi minuti e anche questa "fatica" si porta a casa.

Qualche posizione recuperata, qualche posizione persa, ma lo striscione è li davanti. Un ultimo sforzo ed è finita davvero con il crono ad indicare un centinaio di secondi in meno di quanto auspicato alla vigilia.

Non dovrei dirlo, perchè in questi due anni l'ho già detto troppe volte, ma mi piacerebbe che questa fosse la volta buona e allora mi limito a dirlo a bassa voce.
(forse) I'm back.

Posted on domenica, settembre 11, 2016 by nino

2 comments

mercoledì, settembre 07, 2016

A poco più di un'ottantina di giorni dall'appuntamento con la maratona autunnale mi rendo conto che quanto fatto è davvero poca cosa ma considerando le nuove vicissitudini tocca (nuovamente) fare di necessittà virtù. 
Dopo i problemi muscolari anche la caviglia ha deciso di salire alla ribalta e agli inizi di luglio è arrivata una tendinite che mi ha costretto all'ennesimo stop. 
Ecografia, che fortunatamente ha escluso problemi più gravi, tecar e ghiaccio. Tanto che io e la borsa del ghiaccio possiamo, oramai, considerarci una coppia di fatto. Quarantacinque giorni di riposo forzato e ora, dopo due settimane, nessuna certezza sull'effettiva risoluzione del problema. Fatica, tanta fatica, troppa. Evidentemente il nuoto e quel po' di bici che durante questi due mesi hanno provato a prendere il posto della corsa non sono riusciti a limitare i danni.
Inutile nasconersi dietro ad un dito. A me piace correre. Il resto (per adesso) non conta. Ci provo, insisto, ma per adesso nessuna "scintilla".
E ora la vedo dura anche se, almeno per ora, io non mi arrendo. 
E se proprio dovesse andare male la strada la conosco (ho una certa esperienza): telefonata al comitato organizzatore e iscrizione portata al 2017. 
Ma per decidere c'è ancora tempo. Intanto pensiamo a macinare asfalto che tra tre giorni è gia ora del primo pettorale post-vacanze.
Una non competativa di sette chilometri e mezzo. Giusto per riassaporare il gusto della competizione.

Posted on mercoledì, settembre 07, 2016 by nino

2 comments

lunedì, settembre 05, 2016



THE COLOR RUN BY UNITED COLORS OF BENETTON:
15.000 RUNNER A SAN SIRO PER “THE GRAN FINALE”
FRA SOLIDARIETÁ, SPORT E MUSICA
Raccolti oltre 6.000 euro a favore delle popolazioni
colpite dal terremoto del 24 agosto

Prima della partenza esclusivo show per tutti i partecipanti
con Alvaro Soler, Rovazzi, Emis Killa ed Elodie



THE COLOR RUN BY UNITED COLORS OF BENETTON SAN SIRO
© ANSA

Milano, 3.9.2016 – The Gran Finale, decima tappa di The Color Run By United Colors of Benetton, ha chiuso in maniera trionfale il tour 2016 della “5 km più divertente del pianeta”.

È stata infatti una giornata speciale quella vissuta dai 15.000 color runner che hanno partecipato al tradizionale appuntamento di chiusura di The Color Run: alle 14.30 Alvaro Soler ha dato il via a una sequenza di ospiti musicali straordinari, seguito durante il pomeriggio dalle esibizioni di Rovazzi, Emis Killa ed Elodie, tutti invitati da Radio 105, radio ufficiale della manifestazione, rappresentata da Fabiola e Dj Giuseppe, che hanno trasmesso in diretta dal truck della radio. Alle 16 poi, partendo dallo stadio Giuseppe Meazza, gli iscritti hanno potuto correre nei dintorni dello storico impianto milanese attraversando il Parco Aldo Aniasi (ex Parco di Trenno) per tagliare il traguardo in via Achille. Durante il percorso, i runner hanno attraversato i punti colore posizionati ad ogni chilometro e hanno sperimentato la novità Tropicolor, caratterizzata dalla presenza di palme, hukulele, musica hawaiana e collane di fiori. Infine si sono radunati sotto al palco dove i due speaker ufficiali di The Color Run, Ary Fashion e Francesco Randazzo hanno dato il via al Finish Festival,  con i  tradizionali color blast a ritmo di musica.

THE COLOR RUN BY UNITED COLORS OF BENETTON SAN SIRO - Emis Killa
THE COLOR RUN BY UNITED COLORS OF BENETTON SAN SIRO - Alvaro Soler

THE COLOR RUN BY UNITED COLORS OF BENETTON SAN SIRO - Elodie
THE COLOR RUN BY UNITED COLORS OF BENETTON SAN SIRO - Fabio Rovazzi
 












“È stata una giornata perfetta per celebrare il successo del Tour 2016, abbiamo sfondato di nuovo il muro dei 100.000 partecipanti, che in tutta Italia non hanno voluto mancare l’appuntamento con The Color Run: un indiscutibile successo che non ha eguali nel nostro Paese. Ma pur organizzando un evento all’insegna della gioia di vivere, non abbiamo voluto dimenticare il sisma avvenuto il 24 agosto, e quindi Rcs Sport – Rcs Active Team ha deciso di devolvere 2 euro per ogni nuova iscrizione alla corsa avvenuta nell’ultima settimana, raccogliendo oltre 6.000 euro destinati alla raccolta fondi “Un Aiuto Subito”, attivata da Corriere delle Sera e dal TG La7.” ha dichiarato Paolo Bellino, Direttore Generale RCS Sport.

La nuova edizione di The Color Run ha riconfermato il trend positivo in termini di partecipanti con  115.000 iscritti sulle dieci tappe organizzate in tutta Italia (Torino, Bari, Trento, Reggio Emilia, Firenze, Genova, Venezia, Lignano Sabbiadoro, Rimini e Milano). Un successo e un entusiasmo scatenato anche sui social network: la pagina Facebook dell’evento ha raggiunto oltre 174.000 fan con un incremento del 15% negli ultimi 4 mesi, 1,6 milioni di utenti unici raggiunti in media ogni mese e oltre 33 milioni di visualizzazioni totali dei contenuti pubblicati.



THE COLOR RUN BY UNITED COLORS OF BENETTON SAN SIRO -  © ANSA -
THE COLOR RUN BY UNITED COLORS OF BENETTON SAN SIRO - © ANSA

 





“La tappa di Milano doveva essere il coronamento di un altro tour straordinario ed è stata infatti una grande festa, sintesi perfetta della formula vincente di The Color Run: sport, divertimento e musica. E per questo ringraziamo anche tutti i partner che ci hanno sostenuto permettendoci di aumentare le tappe, portando il nostro format in dieci città  – ha dichiarato Andrea TrabuioResponsabile Mass Events di Rcs Sport e Rcs Active Team – Abbiamo chiuso facendo un regalo speciale ai milanesi, coinvolgendo alcuni dei grandi protagonisti di questa estate musicale, ma ci è sembrato anche giusto non chiudere gli occhi, pur in un contesto di puro intrattenimento, davanti alla recente tragedia del terremoto e siamo orgogliosi di aver dato un contributo per supportare le persone colpite dal sisma”.


THE COLOR RUN BY UNITED COLORS OF BENETTON SAN SIRO
© ANSA

The Color Run si conferma corsa per tutte le età, con il più giovane iscritto di appena un anno, e il più grande con i suoi 74. In percentuale le donne vincono la sfida con gli uomini e si confermano super appassionate della 5 km più divertente del pianeta, con il 60% di iscritte. Infine la maggioranza dei partecipanti è arrivata dalla Lombardia, ma una quota importante è venuta anche da regioni limitrofe come Piemonte ed Emilia Romagna.  

Nell’organizzazione della manifestazione è molto importante il tema della solidarietà. Podisti da Marte in particolare con la sua squadra gestisce tutti i volontari nei punti colore. Coinvolte inoltre su tutte le tappe anche AGD Italia e U.N.I.T.A.L.S.I.. Su Milano invece saranno presenti ONE, LEGA ITALIANA FIBROSI CISTICA LOMBARDIA, CIFA FOR CHILDREN ONG, AMICI ONLUS, VIVI DOWN, ADMO e L'ABBRACCIO.

Un ringraziamento particolare da parte di RCS Sport e RCS Active Team va a tutti i suoi importanti Partner, al Comune di Milano che ha patrocinato l’evento, e ad M-I Stadio per l’utilizzo delle aree adiacenti San Siro.

Presenting Sponsor: UNITED COLORS OF BENETTON // Top Sponsor: ASUS // Top Sponsor: SMART // Technical Sponsor: BROOKS // Official Supporter: YAMAHA // Official Supporter: FASTWEB // Official Supporter: TAFT // Official Supporter: VIRGIN ACTIVE // Official Supporter: NILOX // Official Supporter: SAN BENEDETTO // Official Supporter: RIO MARE // // Official Supporter: POLAROID // Official Supporter: MENTOS NOW MINTS // Official Watch: CALYPSO // Official Radio: RADIO 105// Media Partner: LA GAZZETTA DELLO SPORT.

THE COLOR RUN BY UNITED COLORS OF BENETTON SAN SIRO
© ANSA

thecolorrun.it
facebook.com/TheColorRunItalia
@TheColorRunITA
youtube.com/TheColorRunITA
instagram.com/thecolorrunita

Daniele Pernella - DMTC Srl
Ufficio Stampa The Color Run
Phone +39 0392496096
E-mail danielepernella@dmtc.it
web: www.dmtc.it
Ivana Capozzi - RCS Sport
PR - Media Relations Manager
Phone +39 0225848176
E-mail ivana.capozzi@rcs.it
web: www.rcssport.it


Posted on lunedì, settembre 05, 2016 by nino

1 comment




Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L'amministratore del blog, pur mantenendo costante azione preventiva, non ha alcuna responsabilità per gli articoli, siti e blog segnalati e per i loro contenuti. Ogni commento inserito nei post viene lasciato dall'autore dello stesso accettandone ogni eventuale responsabilità civile e penale. Le foto ed i video contenuti in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro e sono copyright dei rispettivi autori/agenzie/editori.