domenica, settembre 11, 2016

12° Legnano Night Run


12° Legnano Night Run - Foto di Luigi FrigoCominciamo dalla fine: under trentadue. Il che significa quattro e dodici di media. Un tempo che, sinceramente, non credevo ancora alla mia portata.

Sono dodici anni che la Legnano Night Run sancisce l'inizio della seconda parte della (mia) stagione agonistica. Dai trecento della prima edizione agli oltre tremila iscritti (oltre duemila e cinquecento gli arrivati) di quest'anno tanto da costringere l'organizzazione a spostare logistica, partenza e arrivo al Castello Visconteo perchè, visti i numeri, la sede stradale di Largo Tosi rischiava di provocare, alla partenza, pericolosi imbuti.

12° Legnano Night Run - percorso
Ritiro pettorale, cambio d'abito e una volta incontrato Kikko dentro al Parco Castello per un riscaldamento degno di tale nome.

Come da tradizione alle otto e trenta largo alla gara dei più piccoli e alle nove (molto elastiche) si torna ad essere protagonisti.

Dubbi tanti, certezze poche. Dopo 45 giorni di sosta forzata e solo un centinaio di chilometri nelle gambe è davvero dura capire quanto si possa osare, senza dimenticare poi, la spada di Damocle (leggi caviglia) che pende sul capo.

Nove e diciassette e finalmente si corre.

Non sono distante dallo striscione eppure, una volta partiti, quelli che mi precedeno sembrano già un'infinità. Le quattro corsie di Viale Toselli sono perfette e in un attimo sono già a ritmo gara. Nessuna partenza a cannone e per una volta il buon senso la fa da padrone.

Fa caldo, umido quanto basta ma non soffro particolarmente la cosa, anzi. Le gambe girano e la caviglia, che è la cosa che mi preoccupa di più. sembra starsene tranquilla.
Un occhio al Garmin e una al fondo stradale e lentamente comincio a recuperare posizioni. Quattro e venticinque al primo, quattro e ventidue al secondo e la sensazione di poter andare anche meglio.

12° Legnano Night Run
Come sempre correre in mezzo agli altri con un pettorale appuntato alla maglietta può fare miracoli e, anche in questa occasione, la regola sembra essere rispettata. E allora ci provo e si va finchè ce n'è. Passano i chilometri e l'arrivo in Viale Toselli è sempre più vicino. Qualche secondo tocca lasciarlo per strada ma il ritmo continua a mantenersi è al di la delle più rosee aspettative. Oramai ci siamo, pochi minuti e anche questa "fatica" si porta a casa.

Qualche posizione recuperata, qualche posizione persa, ma lo striscione è li davanti. Un ultimo sforzo ed è finita davvero con il crono ad indicare un centinaio di secondi in meno di quanto auspicato alla vigilia.

Non dovrei dirlo, perchè in questi due anni l'ho già detto troppe volte, ma mi piacerebbe che questa fosse la volta buona e allora mi limito a dirlo a bassa voce.
(forse) I'm back.

2 commenti: