lunedì, dicembre 05, 2011

Ricominciamo

Dopo sette giorni di meritato riposo poco dopo le otto in stada pronto a macinare chilometri (si fa per dire).
Sole ancora basso sull'orizzonte e temperatura fredda quanto basta a rimpiangere di aver abbandonato troppo presto il tepore del letto. Gambe ? Due... tronchi. Almeno per i primi chilometri, poi decisamente meglio tanto da portare a casa undici chilometri in poco più di cinquatun minuti. Non molti  Ma con in programma la tradizionale "gita" alla fiera dell'artigianato è meglio preservare le forze. Tutto il pomeriggio tra i padiglioni passando da un assaggio ad un altro. Dal dolce al salato senza dimenticare piccole parentesi alcoliche.
E una volta arrivati a sera come farsi mancare la sosta al Padiglione 1, Toscana, ristorante senese.
Pici cacio e pepe, filetto al lardo di colonnata e il tutto annaffiato da una bottiglia di chianti.
Tanto il treno lo "guida" qualcun altro.

ps. sarebbe bello avere la possibilità di ringraziare mario per il regalo che ci sta confezionando ma non so perchè il cuore mi dice che, forse, sarebbe meglio ringraziare anche silvio.

4 commenti:

  1. C'erp sabato mattina alla fiera, alle 10 era già un delirio... quanta roba buona però...
    prima di ringraziare Mario, farei un giro da Silvio, Romano, Massimo ecc ecc ecc...

    RispondiElimina
  2. Mi associo ai ringraziamenti di Oliver. In più mi chiedo: se le stesse schifezze le avesse proposte Silvietto bello, saremmo scesi ad appenderlo in piazzale Loreto. Invece Marietto nostro lo consideriamo ancora il salvatore.

    RispondiElimina
  3. quest'anno salto la fiera.... comunque c'e tanta roba buona....

    RispondiElimina
  4. corsa e gastronomia (toscana)...un connubio meraviglioso.

    RispondiElimina