martedì, marzo 02, 2010

3x3000

Per rendere l'idea, se fossi ancora uno studente, verrei classificato come quello che ha tutte le potenzialità per fare bene ma non si applica. Quello che tira a campare limitandosi a portare a casa la sufficienza. Ed è quello che mi succede con la corsa. Se si tratta di fare chilometri non mi tiro indietro, ma se si tratta di seguire una qualsiasi tabella, cominciano i problemi. Quando poi tocca alle ripetute, nonostante i migliori propositi, trovo sempre una scusa per glissare l'appuntamento. L'orario, il tempo, il freddo, il caldo, qualsiasi cosa pur di evitarle.
Riuscire quindi, in queste ultime settimane, a fare determinati lavori, mi sorprende piacevolmente.
Se poi si tratta di un 3 x 3000 la soddisfazione è ancora maggiore.
Con gli orari del parco che ancora non conciliano con quelli del lavoro tocca adattarsi a correre, ancora per qualche settimana, in strada e l'idea di uscire sapendo che, dopo il riscaldamento, bisogna percorrere per ben 11 volte il giro dell'isolato non entusiasma affatto.
Stavolta niente scuse: missione compiuta.

3 commenti:

  1. Nient'altro da dire che COMPLIMENTI. Io non sò se sarei in grado, solo il pensiero mi stanca...

    RispondiElimina
  2. dura la disciplina per noi anarcoidi... :) un'ottima alternativa può essere il fartlek: più creativo...

    RispondiElimina
  3. Anche per me c'era ancora un mese di sofferenza notturna intorno all'isolato ... l'ho risolto infortunandomi :-)

    RispondiElimina